CEAS Ravenna - multiCentro per l'Educazione Alla Sostenibilità

Salta ai contenuti
CEAS Ravenna - multiCentro per l'Educazione Alla Sostenibilità
 
Sei in: Home News Mese dell'Albero in Festa - XXX Edizione

Mese dell'Albero in Festa - XXX Edizione

Mese-dell-Albero-in-Festa-XXX-Edizione

Dal 7 marzo all’11 aprile 2017

Il “MESE DELL’ALBERO IN FESTA”, la storica iniziativa curata, ideata e promossa dall’Assessorato all’Ambiente del Comune di Ravenna in partenariato con le locali Associazioni Venatorie, con la indispensabile collaborazione di alcune Associazioni Ambientaliste e il contributo di Aziende locali e Istituzioni sensibili alle tematiche ambientali, giunge quest’anno alla sua XXX edizione.

L’Assessorato e il Servizio Ambiente del Comune di Ravenna, intendono mantenere e confermare il proprio impegno per la realizzazione di questa attività di educazione ambientale che si fonda sull’idea della “pineta e natura come laboratorio scolastico all’aperto”.

Il progetto coinvolge attivamente le bambine ed i bambini delle scuole ravennati e l’intera comunità in una relazione stabile con il proprio territorio cercando di favorire lo sviluppo di maggiori conoscenze e sensibilità verso i concetti e la filosofia di “sviluppo sostenibile” e“conservazione della biodiversità”.
Nel corso degli ultimi anni intorno a questa iniziativa, si è sviluppato ed arricchito un progetto di educazione ambientale che coinvolge le scuole materne, primarie e secondarie di primo grado pubbliche e private del territorio comunale.
A conferma dell’interesse e del gradimento di tale iniziativa lo scorso anno sono state registrate più di 6.000 presenze di alunne, alunni e loro insegnanti che, prendendo come riferimento l'habitat della pineta, hanno approfondito i nessi esistenti fra uomo e ambiente e importanti concetti quali la necessità e impellenza di difendere e gestire in modo sensato le risorse naturali del nostro territorio.

Attività proposte:

A) Messa a dimora di nuovi alberi nelle pinete e nei parchi
7-9-14-16-21-23-24 marzo 2017

7 giornate dedicate alla piantumazione di “nuovi alberi”
La piantumazione di giovani alberi da parte dei ragazzi intende stimolare in ognuno di loro la crescita di un proprio senso di responsabilità verso l’ambiente in cui si vive, assumendo un significato etico molto profondo di socialità e di rispetto dell’esistenza propria ed altrui.
Gli studenti vengono assistiti nella messa a dimora di piantine in fitocella e radice che sarà effettuata secondo logiche che riprendono i lineamenti caratteristici dell’ambiente e in modo tale da conferire maggiore naturalità all’area rimboschita.
Con la piantumazione gli studenti contribuiranno come da tradizione al rimboschimento delle aree pinetali, in particolare della Pineta San Vitale e della Pineta di Classe.
In questi ultimi anni l’attività di piantumazione si è estesa anche ad alcune zone urbane. Questa edizione prevede nelle giornate del 21 e 23 marzo la messa a dimora di nuove piante all’interno del Parco Urbano Baronio, aumentando così le occasioni per contribuire non solo alla riforestazione del “verde storico” delle nostre pinete, ma anche alla formazione di nuove “aree verdi” urbane, azioni concrete volte al miglioramento della qualità dell’ambiente in cui viviamo in termini di salute e bellezza.

B) Aule Verdi in pineta
30 marzo e 4-6-11 aprile 2017

4 giornate in cui le classi vengono invitate a vivere il Parco come aula e come laboratorio d'ambiente, per una esperienza divertente e nel contempo utile a stimolare l'interesse e l’attenzione sulle tematiche dell’ambiente e della sostenibilità. Un modo diverso di approfondire la conoscenza delle peculiarità ambientali e storico-culturali che caratterizzano questo particolare ambiente naturale ravennate. I ragazzi saranno accompagnati da volontari del mondo ambientalista e venatorio, grandi conoscitori della pineta e da alcuni esperti formati come guide ambientali o animatori. I conduttori coinvolti cercheranno di trasmettere il “gusto” della scoperta, il piacere di trovarsi in quel luogo in quell’istante, attingendo spesso dall’esperienza personale, dal vissuto e dalla voglia di trasmettere una passione, un profondo amore e rispetto per questo patrimonio naturale.